XM: un broker con un contenuto tasso di trader in perdita.

Andiamo a recensire oggi il broker XM. Fra le varie particolarità che questo intermediario presenta, la più curiosa è forse la bassa percentuale di trader in perdita sul mercato dei CFD: appena il 68%, un dato molto al di sotto della media mostrata su altri broker.

XM: caratteristiche e società

La versatilità di questo intermediario non riguarda solamente la generosa scelta in termini piattaforme su cui operare, o di strumenti finanziari fruibili attraverso le suddette piattaforme, ma anche la platea a cui si rivolge. Operatori di ogni esperienza e capitalizzazione possono trovare casa -operativamente parlando- nell’offerta XM. I trader possono iniziare tradando direttamente con soldi reali, oppure passare per un -consigliatissimo- periodo di prova demo in cui non solamente si affinano le proprie strategie, ma si testano anche le varie sfaccettature della piattaforma. L’account demo disponibile è di 100,000 dollari americani. Si lascia apprezzare una particolare caratteristica di questo broker, ovvero l’assenza di costi occulti che solitamente vanno a fare da contrappeso a molte offerte fin troppo “allettanti” che vengono promosse.

Una piattaforma di trading proprietaria

XM offre 2 piattaforme di trading accessibili sia da account reali che demo. La pluripremiata MetaTrader 4 è prevalentemente una piattaforma di trading forex che supporta gli ordini stop, limit, market e trailing. La piattaforma MetaTrader 5 è una piattaforma di trading multi-asset che offre anche accesso ad azioni, indici azionari e metalli preziosi. Entrambe le piattaforme sono disponibili su dispositivi Apple e Android, il che rende l’esperienza di trading mobile fluida e facile da usare. Le piattaforme di broker XM supportano la negoziazione di forex, azioni, materie prime, indici azionari, metalli preziosi, energie e criptovalute.

Costi, spread, e leva.

Il tipo di conto che scegliamo di aprire influirà enormemente sull’entità degli spread che andremo a pagare nel momento in cui apriremo un’operazione. La scelta di account che XM mette a disposizione vanta 3 opzioni: XM Zero, micro, e standard. A prescindere comunque sia dalla nostra scelta, non andremo a pagare uno spread inferiore a 0,1 pips. Le commissioni non sono applicate né sul contro micro, né sul conto standard, ma andremo invece a pagare qualcosa scegliendo XM Zero. Non ci sono spese né di deposito né di prelievo, che fra l’altro vengono effettuati in un giorno lavorativo. Anche la leva varia in funzione dello strumento, ma questo è oramai standard per tutti i broker.

Gli operatori nei mercati extraeuropei saranno in grado di accedere a livelli più elevati di leva finanziaria e scambi con la rimozione di alcune restrizioni SEE (come la protezione del saldo negativo). Attenzione, una maggiore leva aumenta sia i potenziali profitti che le perdite. I commercianti al di fuori dell’Europa possono vedere la leva finanziaria raggiungere 500: 1 su alcuni mercati. XM è disponibile su numerosi dispositivi Android e Apple, inclusi Apple iPhone, Apple iPad e tablet e telefoni Android. Puoi scaricare le loro app dall’App Store di Apple o dal Google Play Store. Sono entrambi perfettamente funzionanti e consentono il monitoraggio e il trading on-the-go. Le piattaforme desktop per PC e Mac supportano entrambe il trading con un clic. Insomma, XM non pecca certo in versatilità.

In sistesi

La piattaforma di trading XM offre un servizio di tutto rispetto. Considerando le varie certificazioni, l’assenza di commissioni su depositi e prelievi, e la ricchezza di materiale formativo ed educativo disponibile (la piattaforma ospita regolari webinar rivolti sia ai principianti che ai professionisti esperti), non possiamo che classificarla fra i must di questo settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *