Login
Main menu

"Monitoraggio su contaminazione di alcune specie ittiche"

In seguito ai primi risultati di un monitoraggio in Veneto promosso dal ministero della Salute, per garantire la sicurezza alimentare contro possibili contaminazioni da Pfas, e' stato disposto un divieto di pesca delle specie ittiche nelle acque interne, come i laghetti o i corsi d'acqua dolce. E' quanto emerge durante un'audizione della ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, in Commissione parlamentare d'inchiesta sulle attivita' illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati. "Risulta attualmente in fase di completamento- spiega la ministra- un ulteriore monitoraggio sulla contaminazione da Pfas sugli alimenti in alcune aree del Veneto". Il programma di monitoraggio, dice, ha riguardato un campionamento "statisticamente rilevante" su specie di origine sia animale che vegetale in coltivazione sia intensiva che rurale. "Sono stati raccolti oltre 1.100 campioni- aggiunge la ministra- e il termine dell'attivita' di monitoraggio e' prevista alla fine del mese, nei prossimi giorni. Posso anticipare che i risultati raccolti finora non hanno segnalato criticita' che richiedessero misure particolari in itinere". L'unico dato non positivo, continua Lorenzin, "riguarda il livello di contaminazione su alcune specie ittiche raccolte nella acque interne". Per questo sono state prese "misure di natura precauzionale come il divieto di cattura del pesce nelle aree interessate".

(DIRE)